AREA CLIENTI

Direttiva Europea NIS2

Direttiva NIS2: una svolta nella cybersecurity Europea

La direttiva NIS2, adottata dal Consiglio dell’Unione Europea e dal Parlamento Europeo nel dicembre 2022, rappresenta una svolta significativa nella normativa europea sulla cybersecurity.

Questa direttiva, ufficialmente conosciuta come Direttiva (UE) 2022/2555, è stata introdotta per affrontare la crescente frequenza e gravità degli attacchi informatici che minacciano la stabilità economica e sociale dell’Unione Europea. 

Negli ultimi anni, gli attacchi informatici sono diventati sempre più frequenti e sofisticati. Incidenti come il ransomware, le violazioni dei dati e altre forme di cyber crimine possono avere conseguenze devastanti per le aziende, causando perdite finanziarie, danni reputazionali e interruzioni operative. La direttiva NIS2 nasce dall’esigenza di creare un quadro normativo che possa rafforzare le difese delle organizzazioni contro minacce crescenti. 

La direttiva NIS2 amplia significativamente il numero di settori coperti rispetto alla prima direttiva NIS. Oltre ai settori già regolamentati come l’energia, i trasporti e le infrastrutture digitali, la NIS2 include nuovi settori come la gestione dei rifiuti, la produzione alimentare, i servizi postali e la ricerca. Questo ampliamento garantisce l’adozione di misure di sicurezza adeguate per un maggior numero di organizzazioni nel territorio.

Una delle novità più rilevanti della direttiva NIS2 è il coinvolgimento diretto dell’alta dirigenza nella supervisione delle misure di sicurezza informatica. Gli organi di gestione hanno il dovere non solo di monitorare l’implementazione delle misure di sicurezza, ma possono anche essere ritenuti personalmente responsabili in caso di violazioni. Questo cambiamento sottolinea l’importanza della cybersecurity come priorità strategica a livello aziendale. 

La NIS2 impone alle aziende di adottare un approccio sistematico e proattivo alla gestione del rischio. Questo include l’implementazione di misure tecniche ed organizzative per proteggere le reti e i sistemi informativi, la gestione della continuità operativa, la sicurezza della supply chain e la formazione continua del personale in materia di cybersicurezza.

Con la direttiva NIS2 le aziende hanno il dovere di segnalare tempestivamente qualsiasi incidente di sicurezza significativo. La direttiva specifica i tempi per la segnalazione iniziale e per la relazione finale, che deve includere dettagli sull’incidente, la sua gravità e il suo impatto. Questo obbligo di trasparenza mira a migliorare la risposta agli incidenti e a facilitare la collaborazione tra le aziende e le autorità competenti.

La direttiva NIS2 introduce sanzioni pecuniarie significative per le violazioni. Le aziende che non rispettano i requisiti possono essere multate fino a 10 milioni di EUR o al 2% del fatturato mondiale annuo per i soggetti essenziali, e fino a 7 milioni di EUR o all’1,4% del fatturato mondiale annuo per i soggetti importanti. Queste sanzioni sottolineano la serietà con cui l’UE intende far rispettare la normativa. 

Le aziende che operano nei settori regolamentati dalla direttiva NIS2 dovranno prepararsi ad un significativo cambiamento nei processi di gestione della sicurezza informatica. La conformità a questi nuovi requisiti richiede un approccio integrato e proattivo alla cybersecurity, che coinvolge tutte le aree dell’organizzazione, dalla dirigenza ai dipendenti operativi. 

Inoltre, sarà importante considerare l’impatto della direttiva NIS2 non solo sui sistemi interni, ma anche sulle supply chain, richiedendo alle aziende di valutare e gestire i rischi associati anche a fornitori e partner commerciali. 

Inoltre, sarà fondamentale investire nella formazione continua del personale per garantire che tutti i dipendenti siano consapevoli delle minacce informatiche e delle migliori pratiche per prevenire gli incidenti. La sensibilizzazione e l’educazione sono fondamentali per creare una cultura aziendale orientata alla sicurezza.

La direttiva NIS2 rappresenta un passo avanti fondamentale nella protezione delle infrastrutture digitali in Europa. Introducendo requisiti più severi e ampliando l’ambito di applicazione, la direttiva mira a creare un ambiente digitale più sicuro e resiliente. Le aziende sono chiamate ad agire tempestivamente per comprendere e implementare i nuovi requisiti, garantendo la protezione dei loro asset digitali e la continuità operativa. 

Giovedì 11 Luglio 2024 dalle ore 11 alle ore 12 terremo un webinar informativo a tema NIS2. L’evento mira a sensibilizzare le imprese sull’importanza di adottare un approccio robusto e proattivo alla gestione del rischio.

Affidati a figure preparate.
Gli esperti Infoteam e Sophos sapranno come aiutarti.